• Admin

Industry 4.0: come non digitalizzare gli sprechi!

Recentemente e sempre più spesso sentiamo parlare di Smart Manufacturing, la rivoluzione dell’Industria 4.0, un nuovo trend che sta introducendo in fabbrica tecnologie che consentiranno di aumentare produttività e qualità, migliorando allo stesso tempo le condizioni di lavoro.

Le nove tecnologie abilitanti all’Industria 4.0, sono state classificate da Boston Consulting come riportato in figura.


I robot collaborativi, ad esempio, saranno in grado di lavorare fianco a fianco con il personale di produzione, ma anche di prendere decisioni autonome e comunicare tra loro per ottimizzare i parametri di funzionamento, a fronte di elaborazioni di dati raccolti sul campo.

Lo scenario che si prospetta è dunque sempre più “data-driven” (guidato dai dati). Una grossa mole di dati per l’appunto verrà per prima cosa raccolta da sensori sul campo, immagazzinata in database cloud e successivamente analizzata da complessi algoritmi. Lo scopo sarà quello di trovare correlazioni (fino a pochi anni fa impensabili) tra molteplici variabili al fine di prevedere e anticipare i problemi qualsiasi possa essere la loro natura (qualità, efficienza, affidabilità, ecc.).

Le macchine dunque impareranno e modificheranno il loro comportamento sulla base dei dati provenienti dalla fabbrica, in modo da accorgersi in anticipo di eventuali mal funzionamenti o derive del processo, limitando così i difetti e i fermi linea.

In questo contesto è di fondamentale importanza saper implementare strumenti e tecniche di Lean Manufacturing, la produzione snella. Per quali motivi?

Ad esempio saper identificare tramite strumenti come la Value Stream Map il flusso del valore, conoscere e valorizzare l’impatto negativo delle attività a NON valore aggiunto, permetterà di non cadere in un grossolano errore: la DIGITALIZZAZIONE e l’AUTOMATIZZAZIONE degli sprechi!

È questo infatti uno dei principali rischi che si dovranno affrontare nel percorso “Industria 4.0” che rivoluzionerà il mondo delle Operations.

L’accesso rapido e a minor costo (grazie a misure intraprese dalla maggior parte dei governi nel mondo) a nuove tecnologie, senza aver prima compreso e rivisitato in ottica Lean i processi interni per massimizzare il valore aggiunto per il cliente, comporterebbe infatti principalmente un costo, con benefici limitati nel tempo e certamente sotto le aspettative.

Rivestirà dunque un ruolo fondamentale in azienda chi saprà interpretare e analizzare i dati per “capire” i processi e misurarli. Queste informazioni saranno utilizzate per indirizzare

la rimozione degli sprechi individuati, utilizzando la tecnologia come supporto

la “digitalizzazione” delle attività a valore aggiunto dove possibile

il processo di miglioramento continuo, che dovrà seguire l’implementazione tecnologica

La definizione delle variabili e dei KPI che saranno utilizzati per monitorare la fabbrica in tempo reale e focalizzare la raccolta dati per raggiungere gli obiettivi aziendali.

Mappare il flusso del valore al fine di individuare gli sprechi, sapere leggere e analizzare i dati, definire gli indicatori per monitorare le prestazioni sono alcune delle attività che faranno della persona un elemento chiave e imprescindibile della trasformazione digitale della fabbrica.

Da ultimo ma non meno importante, vi è il rischio che le nuove tecnologie non vengano inglobate in un sistema organico e coerente, come prevede la filosofia Lean.


che cosa ne pensi???

39 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

LEAN MANAGER

Aretèna è sempre alla ricerca di nuove collaborazioni. Jobsora è un ottimo portale per chi è alla ricerca di nuove opportunità lavorative. Di seguito le posizioni aperte in ambito lean management: htt

© 2017 Aretèna Srl

P.IVA: 05077230281